ANTIPASTI

  • Patè di fegatini, lamponi e pan brioche
    12
  • Tartare di manzo, pomodoro verde fritto, capperi e limone
    12
  • Capra bollita, lupinari e chutney di mela verde
    12
  • Uovo, ovuli, bottarga di tonno e menta
    14
  • Capesante, agrumi affumicati e salicornia
    13
  • Bruschetta al pomodoro
    11
  • Burger di cavolo rosso e salsa violine
    12

PRIMI

  • Risotto alla parmigiana con riduzione di Chianti
    12
  • Spaghettino cedro, pepe nero e bottarga di muggine
    13
  • Tagliolino alghe e cicale
    14
  • Pasta mista, cozze e patate
    14

PRIMI DALLA TRADIZIONE

  • Tagliatelle al ragù di frattaglie di coniglio
    12
  • Tortelli lucchesi al sugo di carne
    12
  • Pappa al pomodoro
    12

SECONDI

  • Guancia di vitello, salsa al vino rosso e patata montata
    18
  • Piccione, mandorle, ciliegie e finocchi
    22
  • Pollo arrosto, tartufo nero e insalate alla brace
    25
  • Rana pescatrice, latticello, aneto, patata al cartoccio e caviale di aringa
    19
  • Pesce nero all’acqua pazza thai, patate, olive e pomodorini
    21

DALLA BRACE

  • Baccalà e ceci
    18
  • Costata di manzo (min.500 gr)
    5/hg
  • Bistecca alla fiorentina (min. 900 gr)
    5.5/hg

CONTORNI

  • Cavolo rosso alla brace e kefir
    5
  • Patate al forno
    5
  • Insalata al ponzu
    5

DOLCI

  • Tiramisù
    8
  • Creme brulèe allo yuzu
    8
  • Spuma di yogurt, meringa e lamponi
    8
  • Datteri, biscotto all’amaranto e rabarbaro
    8
  • Sorbetto al frutto della passione e spuma di chinotto
    5

FORMAGGI

  • Selezione di tre formaggi affinati da Andrea Magi
    13

MENU DEGUSTAZIONE

  • I nostri classici
    40
    Tartare di fassona alle erbe aromatiche e maionese di pane Risotto alla parmigiana con riduzione di Chianti Guancia di vitello, bagnetto rosso e patata montata Spuma di gianduja e gelato alla crema
  • Sette portate
    70
    Il menu sette portate è la massima espressione della nostra cucina. Fusione tra la tradizione classica di questo ristorante e le contaminazioni che abbiamo assimilato girovagando tra le cucine di tutto il mondo.
 Benedetto, Lorenzo e Stefano